L’occupazione per necessità è un reato tenue e quindi non punibile

Ancora una sentenza a favore degli inquilini senza titolo Inps, che vedono riconosciuto il diritto alla casa da parte del Tribunale di Roma. L’organo giudiziario ha accolto le ragioni sempre sostenute dall’avvocato Marina Rossi e da Asia USB.

Nella sentenza il Giudice ha affermato che “ si è in presenza di un fatto di non particolare gravità, commesso su di un immobile pubblico, che le imputate hanno occupato per potervi dimorare in una situazione di precarietà personale, determinata da (omissis) e dalla mancanza di diverse soluzioni abitative”. a ciò deve aggiungersi il possesso da parte dell’occupante dei requisiti per la sanatoria e la presentazione della domanda di regolarizzazione. Il reato è tenue e il danno esiguo e quindi gli occupanti non sono punibili per tale occupazione.

L’Asia USB e il comutato inquilini senza titolo VII Municipio chiedono la sospensione di tutti i processi civili e penali che la Romeo Gestioni continua a promuovere e l’immediata regolarizzazione degli occupanti.

di ASIA USBarticolo pubblicato sul sito di Asia USB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *