LazioAmbiente. A rischio i servizi, ammortizzatori per oltre 300

​Comunicato FP Cgil

Nonostante gli impegni presi formalmente con l’accordo del 5 giugno la Regione Lazio tradisce i lavoratori di LazioAmbiente e non mantiene le promesse. 

Ad oggi le condizioni dei mezzi causano la paralisi del ciclo dei rifiuti di quasi 20 comuni, tra cui centri importanti come Frascati, Colleferro e Fiuggi, e per i lavoratori non c’è la garanzia del pagamento della 14° e dello stipendio di luglio. Ad aggravare la situazione, già di per sé paradossale per lo schiaffo dato ai lavoratori oltre che gravissima per le pesanti ricadute sui cittadini, la totale latitanza della Giunta regionale. 

L’accordo prevedeva la costituzione di una nuova società – continua la nota -, il rilancio dei servizi, la chiusura del ciclo, il revamping degli impianti, oltre alla garanzia occupazionale e salariale per i lavoratori. Un progetto serio. Dopo il 5 giugno, un silenzio assordante. Ad oggi nessuno si preoccupa di gestire la vicenda, anzi si rilancia di 303 unità unità il ricorso agli ammortizzatori sociali e si scaricano gli operatori, annunciando che verrà dato ai comuni l’elenco affinché li assorbano loro.

Naturalmente, vista l’esasperazione delle persone e la gravità di questa retromarcia, la nostra reazione sarà durissima e senza esclusione di colpi, a partire da tutti gli strumenti legali in nostro possesso. Riteniamo oltraggioso che, oltre a non tener fede agli accordi sottoscritti, si proceda con tanta superficialità, quando non disinteresse, su questioni così delicate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *