Non si può morire cosi perché così non si può vivere. Sabato 13 corteo a Centocelle ore 16 p.zza Mirti

Gli abitanti della città

Solo un triciclo rosa, quello che resta del camper dato in fiamme nel parcheggio del centro commerciale Primavera, dove sono morte tre sorelle Rom di 4, 8, e 20 anni. 
Siamo agghiacciati da questa ennesima tragedia consumata in una città sempre più povera e sempre più distante dai bisogni di chi la abita.
Non è accettabile che si possa vivere in condizioni al limite della sopravvivenza, non è accettabile che non si trovino soluzioni e risposte per le migliaia di persone che in questa città vivono ai margini e sotto ogni soglia di vivibilità.
Noi crediamo che le vere responsabilità di queste tragedie siano le scelte politiche che vedono come sempre mettere in primo piano e come unico diktat il risanamento del debito, i tagli alle politiche sociali, ai servizi e al welfare. Salvo poi ‘gestire’ gli inevitabili conflitti che questa condizione perenne di ‘crisi ed emergenza sociale’ genera con un parallelo aumento del livello di richiesta di controllo e militarizzazione .
La povertà e il degrado delle condizioni di vita in cui versava questa famiglia era sotto gli occhi di tutti, dare risposte è compito di chi ci governa. 
Innescare logiche di odio tra poveri, e di guerre etniche e razziali è quello che si produce in territori già pieni di contraddizioni, in assenza di risposte culturali ed economiche, ed è quanto di più lontano dalla nostra storia, 
Ci stringiamo alla famiglia così gravemente colpita e ci batteremo affinchè si rafforzino i legami di solidarietà e di lotta fra le persone che soffrono in questa città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *