Al IX Municipio parte la campagna per il SI’ al referendum sul lavoro

voucer

SINISTRA PER ROMA MUNICIPIO NOVE (1)

AL VOTO PER I REFERENDUM
CAMBIARE LA POLITICA
RISOLVERE I PROBLEMI DI ROMA

La Corte costituzionale esaminerà l’11 gennaio 2017 l’ammissibilità a tre referendum abrogativi, tutte concernenti disposizioni in materia di lavoro. Le richieste sono già state dichiarate conformi a legge dalla Cassazione, con ordinanza depositata il 9 dicembre 2016.

A sostegno dei tre referendum, proposti dalla Cgil, sono state raccolte oltre 3 milioni di firme.

  • Cancellare le norme “del Jobs Act” che hanno modificato l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori e reintrodotto, dopo oltre 46 anni, la libertà di licenziamento nel nostro paese;
  • Abrogare le disposizioni che limitano la responsabilità in solido di appaltatore e appaltante, in caso di violazioni nei confronti del lavoratore;
  • Eliminare i cosiddetti voucher, ossia i “buoni lavoro” per il pagamento delle prestazioni accessorie.

Significa il ritorno dell’art. 18 nello Statuto dei lavoratori, la cancellazione (una forma di moderno schiavismo) dei voucher (le prestazioni di lavoro pagate con dei buoni, orari o giornalieri) e il ritorno alle garanzie per i contributi dei lavoratori delle ditte che subappaltano.

Dichiarata l’ammissibilità da parte della Consulta, il Governo dovrà fissare, per il rispetto delle previsioni di legge, la data del voto tra il 15 aprile e il 15 giugno.

Il problema non è quello di dare una seconda mazzata (come abbiamo già fatto con il NO) ai progetti di potere di una politica degradata e inadeguata. Il problema è quello di cambiare e riportare la politica al servizio dei cittadini e dell’interesse generale del paese, ripristinando diritti che sono stati cancellati dalla “narrazione renziana” che ha prodotto maggiori diseguaglianze, cancellato il futuro alle giovani generazioni e costruito forme selvagge di nuove precarietà.

Diciamo NO al tentativo di rinviare i Referendum e diciamo NO ad un modello di sviluppo che produce guerre e milioni di disperati che fuggono dai loro paesi e che vengono strumentalizzati per riportare indietro la storia e cancellare diritti e democrazia in tutto il pianeta.

  • Nell’ambito della volontà di riaggregazione, entro una nuova e moderna Sinistra che sia capace di proporre nuove priorità a vantaggio dei cittadini e forme più avanzate di partecipazione democratica, nella Capitale nasce Sinistra per Roma. Dovrà (come si sta facendo nel Nono Municipio) essere capace di affrontare, coniugandole, le problematiche generali a quelle che nascono nei territori. Far uscire Roma dal degrado e dalla corruzione e sostenere un modello di sviluppo sostenibile che dia garanzie e migliore qualità della vita a tutti è la direzione di marcia che nel 2017 vogliamo percorrere. Insieme e numerosissimi.

Per Informazioni:
bru.ce@libero.it  maurizio.messina@libero.it  pasquale.ruzza@fastwebnet.it

SCARICA IL VOLANTINO

(1) Nell’ambito della volontà di riaggregazione, entro una nuova e moderna Sinistra che sia capace di proporre nuove priorità a vantaggio dei cittadini e forme più avanzate di partecipazione democratica, nella Capitale nasce Sinistra per Roma. Dovrà (come si sta facendo nel Nono Municipio) essere capace di affrontare, coniugandole, le problematiche generali a quelle che nascono nei territori. Far uscire Roma dal degrado e dalla corruzione e sostenere un modello di sviluppo sostenibile che dia garanzie e migliore qualità della vita a tutti è la direzione di marcia che nel 2017 vogliamo percorrere. Insieme e numerosissimi.

sostieni la newsletter di Sinistra X Roma