La biblioteca territoriale diffusa

di Casale Podere Rosa

Il progetto “Libri, un bene in comune. Realizzazione di una  biblioteca territoriale diffusa” è stato pensato dall’Associazione Casale Podere Rosa per realizzare la prima biblioteca territoriale partecipata nella città di Roma.

Sulla base dell’esperienza maturata con la creazione e gestione della Biblioteca “Fabrizio Giovenale” e nel corso della mobilitazione per impedirne la chiusura che ha prodotto la nascita della Biblioteca Passepartout del Casale Podere Rosa, è nata l’idea di aumentare la disponibilità di libri attraverso la creazione di una rete territoriale di possessori di libri disposti a prestarli e scambiarli.

Passepartout raccoglie al momento circa 1.800 testi (e 1.200 multimediali) scientifici e didattici su biodiversità, ecologia, ambiente, critica ai consumi e consumo critico, alimentazione, filosofia politica, architettura, urbanistica, aree verdi e parchi. Una sezione di arti visive e per la scoperta del territorio anche dal punto di vista sociale, e una sezione per ragazzi. È disponibile inoltre uno spazio di book sharing con libri di lettura, poesia, saggi e narrativa di vario genere. Le diverse sezioni sono fisicamente collocate in vari ambienti del Casale di via Diego Fabbri (San Basilio/Talenti). La biblioteca è dotata anche di diversi spazi per consultazione, studio, lettura, postazioni con pc e di una sala multimediale disponibile anche per le scuole del quartiere.

Spiegano quelli del Casale: “Crediamo che anche alle piccole biblioteche locali gestite da realtà associative e di volontariato fortemente motivate, in grado di erogare con continuità servizi culturali qualificati e di importanza fondamentale per il territorio, vada riconosciuta dignità e ne vada promossa la visibilità. A questa tipologia appartengono le biblioteche situate, come Biblioteca Passepartout, nelle estreme periferie metropolitane, le biblioteche delle scuole, le biblioteche dei piccoli comuni del Lazio, quelle delle associazioni di volontariato”.

Pubblicato su Comune-info il 9/12/2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *