Sinistra: per il rilancio di Roma Capitale aprire fase costituente

Stefano Fassina

Roma deve ritrovare la sua missione di capitale, deve sapere cosa diventare nel XXI secolo. Edilizia e spesa pubblica sono stati i motori della crescita sregolata, ma oggi hanno esaurito quella funzione trainante. È una consapevolezza che manca alle classi dirigenti romane e nazionali.

È necessaria una fase costituente per la città su due nodi strutturali: la trasformazione dei municipi in comuni metropolitani e la ristrutturazione del debito storico. Non è solo problema dei romani. È questione nazionale. Il tavolo Calenda è utile, ma insufficiente data la portata della sfida.

In un Paese normale, della Capitale si occuperebbe il Presidente del Consiglio.

A Roma, la sinistra deve ricostruire la sua credibilità. Serve una seria proposta programmatica, serve classe dirigente e serve soprattutto stare dove c’è sofferenza economica e sociale, contraddizioni e conflitti. Dobbiamo metterci insieme per ricostruire una proposta politica credibile. Sarebbe illusorio sperare di ritrovare la propria forza politica come accumulazione di fallimenti altrui.

0 pensieri su “Sinistra: per il rilancio di Roma Capitale aprire fase costituente

  1. Mi sembra l’ora che qualcuno cominci a sostenere un maggior impegno per il comune di Roma a prescindere di chi lo amministra. altrimenti sarebbe e si sta rivelando un vero boicottaggio verso l’amministrazione pentastellata. Hai voglia a criticare, ma senza soldi non si cantano messe. Paolo Filippini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *