Progetto Flaminio, tutto tace (e le associazioni scrivono ancora)

di Amici dell’Auditorium – Amuse – Carteinregola – Cittadinanzattiva Flaminio
– Cittadini Flaminio – Italia Nostra Roma – Progetto Roma insieme –
Seniores Italia-Lazio – Villaggio dei Bambini – Villaggio Olimpico1960

A margine della Commissione Trasparenza Capitolina che si è riunita oggi 11 ottobre 2017 con all’ODG le ex caserme di Roma in attesa di passaggio al Comune e di trasformazione, Carteinregola ha ricordato la situazione di stallo degli ex stabilimenti militari di Via Guido Reni, che non fanno parte del “pacchetto”, perchè sono stati ceduti direttamente dal Demanio a Cassa Depositi e Prestiti alla fine del 2013, ma che sono oggetto di un progetto di tarsformazione – il Progetto Flaminio-Città della Scienza – portato avanti con la partecipazione dei cittadini e di comitati e associazioni del quartiere e non solo.

Proprio il giorno precedente le associazioni avevano scritto ancora una volta agli assessori Bergamo e Montuori per chiedere un incontro e un’assemblea pubblica urgenti, visto che da tempo si è conclusa la conferenza dei servizi e ad agosto è scaduta la Delibera di Marino/Caudo senza che la nuova Amministrazione abbia approvato il Piano di Recupero, con il rischio che tutto il percorso finora seguito imbocchi strade assai poco condivise (e condivisibili).

Carteinregola ha anche fatto presente che nonostante le frequenti richieste dei comitati, gli elaborati progettuali – consegnati da CDP a dicembre 2015 – non sono ancora stati pubblicati sul sito del Dipartimento Urbanistica, mentre la precedente amministrazione aveva provveduto a inserire man mano nel sito del Dipartimento tutti i materiali prodotti e addirittura gli interventi registati durante le assemblee pubbliche.

Pubblichiamo in calce la lettera, augurandoci che l’amministrazione dia finalmente seguito alle nostre sollecitazioni, approvando il Piano (che comprende anche spazi per una “Casa del quartiere”) e soprattutto che faccia conoscere alla cittadinanza quali destinazioni intenda riservare all’ampia area pubblica che la Giunta Marino intendeva dedicare a una “Città della scienza”

Leggi l’articolo completo sul sito di Cittadinanzattivaflaminio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *