Odg Sinistra X Roma A tutela dell’occupazione del personale delle aziende partecipate

Il seguente ordine del giorno è stato approvato all’unanimità ieri in Assemblea Capitolina. E’ collegato alla delibera di riorganizzazione delle società partecipate capitoline di 1 e 2 livello. E’ un atto importante perché  impegna la sindaca e la giunta a istituire un tavolo di confronto e monitoraggio tra Roma Capitale e le organizzazioni sindacali con compiti di coordinamento delle fasi applicative del processo di riordino delle società in house, delle loro riarticolazioni e di ogni altra società interessata dal percorso di revisione direttamente ed indirettamente.

Tra le altre richieste dell’ordine del giorno c’è la garanzia per la necessaria partecipazione dei lavoratori interessati e delle loro rappresentanze al fine di dare trasparenza e piena conoscibilità ai diversi passaggi attuativi e consentire gli opportuni confronti e negoziazioni sulle misure che avranno riflesso sui rapporti di lavoro e un impegno per la sindaca a quantificare i risparmi previsti nel piano di riordino in modo sistematico, al fine di delineare stime realistiche sulle economie da conseguire nei casi diversi dalle cessazioni/liquidazioni, in particolare per quanto riguarda i processi di aggregazione e riorganizzazione.

Questo un estratto:

L’ASSEMBLEA CAPITOLINA IMPEGNA Il Sindaco e la Giunta Capitolina

Nel percorso di Revisione delle partecipazioni di Roma Capitale di primo e secondo livello:

  • ad assicurare non solamente il rispetto di criteri strettamente economicistici delle partecipate nella gestione e nell’erogazione dei servizi, ma se ne persegua anche la finalità sociale e culturale;
  • a delineare, relativamente alle tempistiche di realizzazione del Piano, il processo di attuazione attraverso la declinazione di un cronoprogramma dettagliato;

  • a quantificare i risparmi previsti nel piano di riordino in modo sistematico, al fine di delineare stime realistiche sulle economie da conseguire nei casi diversi dalle cessazioni/liquidazioni, in particolare per quanto riguarda i processi di aggregazione e riorganizzazione; – a garantire la necessaria partecipazione dei lavoratori interessati e delle loro rappresentanze al fine di dare trasparenza e piena conoscibilità ai diversi passaggi attuativi e consentire gli opportuni confronti e negoziazioni sulle misure che avranno riflesso sui rapporti di lavoro;

  • ad istituire un tavolo di confronto e monitoraggio tra Roma Capitale e le OO.SS. con compiti di coordinamento delle fasi applicative del processo di riordino delle società in house, delle loro riarticolazioni e di ogni altra società interessata dal percorso di revisione direttamente ed indirettamente;

-ad assicurare sia nella fase attuativa che nella sua realizzazione: qualità, efficacia ed efficienza dei servizi pubblici erogati. La priorità deve essere il miglioramento dei servizi resi all’utenza e la salvaguardia qualitativa e quantitativa dei livelli occupazionali; – a garantire la valorizzazione delle professionalità espresse in tutti gli ambiti lavorativi interessati dal complessivo piano di revisione straordinario delle partecipazioni di Roma Capitale di primo e secondo livello società , anche nell’ambito, ove necessario, di un riorientamento delle stesse rispetto alle esigenze funzionali delle compagini societarie riorganizzate;

  • a prendere in considerazione ogni possibile strategia, in accordo con tutti i soggetti coinvolti e con le OO.SS. per una programmazione coordinata che riguardi eventuali esuberi di personale con l’obiettivo di salvaguardarne l’occupazione.

Leggi in testo dell’ordine del giorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *