Roma. Pagate 200mila euro e ve ne andate bonariamente entro 30 giorni…

di Casale Podere Rosa

Questi sono i numeri notificati il 28 giugno dal Dipartimento Patrimonio con una “nuova” lettera raccomandata (partita il 1 marzo e consegnata a noi da ben due messi comunali il 28 giugno!)! Link_

Questa è la drammatica situazione in cui il susseguirsi di amministrazioni avverse all’uso sociale del patrimonio di Roma capitale e avvezze alla valorizzazione/svendita dei beni comuni ci lasciano in eredità. E l’attuale amministrazione sembra seguire questa linea tracciata dai poteri forti di Roma, nel campo urbanistico, dei servizi, degli appalti….

Sulla questione del patrimonio pubblico in concessione ad uso sociale -quale è il Podere Rosa gestito dall’omonima associazione- stiamo assistendo ad un balletto ridicolo da dodici mesi. Un balletto vessatorio contro i titolari delle concessioni: un atto emanato contraddice un altro, un ufficio fa una cosa e un altro ufficio ne fa un altra in contraddizione, si dice A volendo dire B e viceversa. Controlli e minacce di multe salate sulle autorizzazioni per poi dire:-ci siamo sbagliati, avete ragione voi …siete in regola su questa e quest’altra cosa. Stressare le realtà sociali e screditare il lavoro faticoso di chi sul territorio ci sta e ci sta da tanti tanti anni.

Fanno paura forse le realtà che rendono servizi alla città almeno 335 giorni l’anno, che hanno un progetto di intervento sociale e culturale nel territorio, che negli anni si trasformano cercando di essere sempre vicine alle esigenze del territorio, che inventano progetti utili, creano collaborazioni, e…non si sono trasformate in luoghi commerciali, dove insomma nessuno si è arricchito!

Anzi abbiamo dato molto di più e non parliamo solo del lavoro sociale e culturale di questi anni, ma anche economicamente. Per esempio il Casale Podere Rosa, all’epoca un quasi rudere è stato pagato dal Comune ai proprietari 15.000 euro, noi ne abbiamo spesi negli anni quasi 200.000 di migliorie e ristrutturazione e pagati 60.000 di affitto (4 volte il costo d’acquisto) …si potrebbe configurare una quasi “speculazione” da parte del Comune di Roma nei nostri confronti… visto anche che oggi lo stesso ente ce ne chiederebbe altri 200mila!!!
Come diciamo all’Assessore Mazzillo nella lettera inviata in risposta il 30 giugno Link_2: “(…) Intendiamo inoltre manifestare la nostra seria preoccupazione per un comportamento dell’Amministrazione che ci appare incoerente e vessatorio. L’intenzione di procedere alla riacquisizione frettolosa dell’immobile prima dell’approvazione del Regolamento delle concessioni di immobili ad uso sociale, comporterebbe la sospensione di un “apporto significativo ad attività e servizi di valenza pubblica di supporto alle finalità dell’Ente e/o di sussidiarietà di servizi (…)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *