Da Stefano Fassina un’interrogazione per chiedere conto alla giunta Raggi della sua totale latitanza in tema di politiche abitative

img_0344-300x225
Comunicato Unione Inquilini
Come spesso avvenuto anche in passato, Stefano Fassina e il gruppo capitolino di SinistraXRoma, si fanno portavoce delle inascoltate richieste degli inquilini e dei precari della casa di Roma.
Davanti alla totale latitanza della Giunta Raggi (che in 9 mesi di fatto non ha neanche iniziato a mettere mano al problema casa), tramite una interrogazione urgente presentata da Fassina si rinnova perciò la richiesta nostra e di migliaia di romani: a quando un serio e strutturale intervento per porre rimedio alla sofferenza abitativa di questa città?
Le recenti modifiche al “buono casa” e al sistema della cosiddetta “assistenza alloggiativa” (leggi: residence) apportati con delibera di giunta lo scorso febbraio, risultano fin troppo indefinite e problematiche.
Punto per punto, l’interrogazione presentata in Campidoglio chiede conto al Sindaco, alla Giunta e al consiglio comunale di alcune importanti criticità riscontrate nella delibera sui caat e il buono casa.
Su tutte, la richiesta di  un piano di programmazione realmente condiviso e partecipato aperto ai cittadini e alle forze sociali.
Un confronto che finora il Sindaco e i suoi collaboratori hanno testardamente rifiutato di concedere.
Pubblicato sul sito Unione Inquilini il 7/4/2017
In allegato il testo dell’interrogazione: interrogazione-caat-2