Fassina: insostenibile la bozza di regolamento di applicazione della delibera 140

auroemarco1

Stefano Fassina

La bozza del Regolamento relativa agli spazi del patrimonio capitolino in concessione, così come è stata predisposta dagli uffici e presentata oggi in Commissione contraddice radicalmente la funzione sociale da garantire e promuovere.

La norma transitoria, che tra l’altro, prevede l’obbligo di versare, seppur rateizzato, il 75% degli arretrati ricalcolati a canoni di mercato è insostenibile per tutte le associazioni e le realtà autorizzate che da due o tre decenni producono solidarietà, cultura, welfare a Roma, spesso in sostituzione, soprattutto nei municipi più difficili, delle istituzioni locali e nazionali. Come chiediamo sin dal primo giorno dell’amministrazione Raggi, la Delibera 140/15 va ritirata e riscritta attraverso un percorso partecipativo.

Il principio guida della riscrittura deve essere l’uso sociale, non la cosiddetta ‘valorizzazione’ economica e finanziarie, inevitabile vettore di privatizzazione e soffocamento delle esperienze no-profit.

È evidente che, finché l’amministrazione Raggi, non affronta lo scoglio della ristrutturazione del debito capitolino, rimarrà prigioniera della Corta dei Conti. Per affrontare le emergenze sgomberi torniamo infine a chiedere una norma di tutela
delle esperienze in corso”.